ISIN Number
IT0001079398
Categoria Assogestioni
Obbligazionari Flessibili
Livello di rischio
1
2
3
4
5
6
7
Valore quota al 05/10/2022
€ 6,219
Politica d'investimento
È un fondo obbligazionario flessibile, che persegue un obiettivo di crescita del capitale nel medio periodo (2–4 anni) mediante l’investimento del patrimonio in strumenti finanziari diversificati, subordinatamente a un obiettivo in termini di controllo del rischio. Il Fondo si caratterizza per l’ampia discrezionalità concessa alla SGR, che determina la politica di investimento in relazione all’andamento ed alle prospettive delle economie e dei mercati finanziari dei singoli Paesi o di determinate aree geografiche. L’investimento in emittenti di uno stesso Paese ovvero di una stessa area geografica o di uno stesso settore merceologico può costituire anche la totalità del patrimonio del Fondo. Il Fondo potrà essere investito, nell’interesse dei Partecipanti in obbligazioni ed in altri strumenti finanziari, emessi nei Paesi aderenti al Fondo Monetario Internazionale, nonché Taiwan. La composizione del portafoglio è orientata ad investimenti in strumenti obbligazionari e monetari, di emittenti sovranazionali, governativi, o societari, aventi un merito creditizio anche molto rischioso, potendo questi ultimi costituire anche la totalità del Fondo, con un livello di rischio complessivo compatibile con l’indicatore sintetico di rischio del fondo. La valutazione sulla qualità dello standing creditizio, oltre che sulla base del rating, sarà effettuata - almeno con riferimento agli emittenti verso i quali sono detenute posizioni significative e che compongono una percentuale rilevante del portafoglio del Fondo - anche sulla base di ulteriori criteri di carattere qualitativo e/o quantitativo definiti nei processi interni di valutazione del merito creditizio adottati dalla SGR. Il Fondo può investire anche in ETF. Le aree geografiche oggetto d’investimento sono principalmente i Paesi OCSE e, in modo contenuto, i Paesi non OCSE.
Andamento del fondo
Inizio
Fine
Performance del periodo:
Rendimenti al 05/10/2022
1 mese
-0,94 %
3 mesi
-1,00 %
da inizio anno
-5,05 %
1 anno
-5,23 %
dal 03/12/2012
0,16 %
Rendimento annuo del Fondo
2021
-0,74%
2020
0,38%
2019
1,91%
2018
-2,28%
2017
0,00%
2016
0,79%
2015
1,85%
2014
3,46%
2013
2,1%
2012
4,6%
2011
-0,8%
2010
-1,0%
2009
3,4%
2008
-0,5%
2007
2,4%
2006
-0,4%
2005
1,0%
2004
1,7%
2003
1,7%
2002
3,0%
Scomposizione per duration
0-12M
14,18%
1-3Y
54,03%
3-5Y
43,43%
5-7Y
5,47%
7-11Y
6,28%
11Y-30Y
0,00%
Scomposizione portafoglio
Germania
24,08%
Corporate
23,86%
Italia
19,18%
Altro
12,07%
Mercati Emergenti
2,89%
Usa
1,43%
Francia
0,00%
Liquidità
19,38%
Principali titoli obbligazionari
BKO 0 03/10/23
6,04%
BKO 0 06/16/23
4,81%
BKO 0 12/15/23
4,39%
BTPS 0.95 03/01/23
3,73%
BKO 0 03/15/24
3,58%
OBL 0 04/11/25
2,93%
BTPS 0 11/29/22
2,65%
BTPS 0 11/29/23
2,46%
BTPS 1.45 09/15/22
2,44%
EUB 0 01/06/23
2,42%
Commento
Commento

Nel mese, il simposio di Jackson Hole ha mostrato la determinazione della Fed e della BCE nel ripristinare la stabilità dei prezzi anche a costo di arrecare dei danni collaterali all’economia, suggerendo come, in questa fase, il rischio inflattivo venga considerato preminente rispetto a quello sulla crescita. Nel mese, si è registrata un aumento generalizzato dei rendimenti su tutto il comparto governativo dei paesi sviluppati. Sull’Area Euro, per via dei timori legati alle forniture di gas, si è verificato un allargamento degli spread governativi periferici e una sottoperformance del Bund rispetto al Treasury statunitense. Sul comparto corporate, si è verificato un restringimento degli spread durante la prima metà del mese (in particolare sul segmento High Yield), seguito da una altrettanto violento allargamento nella seconda metà del periodo. La fase iniziale di relativa performance è stata guidata da fattori per lo più tecnici (ETF compratori marginali di rischio, scarsa liquidità e assenza di offerta). Successivamente, le prospettive di inflazione elevata e persistente, con i conseguenti rialzi dei tassi, e il deterioramento della crisi energetica hanno pesato sulle valutazioni. Nel mese l’operatività del fondo è stata orientata a ridurre l’esposizione sul treasury statunitense attraverso la vendita di emissioni a lungo termine, con la duration complessiva ora intorno a 15 mesi. Infine, l’esposizione valutaria è rimasta neutrale su dollaro USA e yen.

​​​​​​