​​​​​​
​​
ISIN Number
IT0001179297
Categoria Assogestioni
Bilanciati
Livello di rischio
1
2
3
4
5
6
7
Valore quota al 19/02/2024
€ 8,758
Politica d'investimento
È un fondo bilanciato, il cui obiettivo è l’accrescimento del capitale nel medio–lungo periodo (4–6 anni), mediante l’investimento del patrimonio in strumenti finanziari diversificati, subordinatamente a un obiettivo in termini di controllo del rischio. Il Fondo si caratterizza per l’ampia discrezionalità concessa alla SGR, che determina la politica di investimento in relazione all’andamento e alle prospettive delle economie e dei mercati finanziari dei singoli Paesi o di determinate aree geografiche, potendo costituire l’investimento verso emittenti di uno stesso Paese ovvero di una stessa area geografica o di uno stesso settore merceologico anche la totalità del patrimonio del Fondo. Il Fondo può essere investito in azioni, obbligazioni e altri strumenti finanziari emessi nei Paesi aderenti al Fondo Monetario Internazionale, nonché Taiwan. La composizione del portafoglio è orientata ad investimenti in strumenti azionari, col limite massimo del 70%, e in strumenti obbligazionari e monetari, di emittenti sovranazionali, governativi, o societari, aventi un merito creditizio anche molto rischioso, con un livello di rischio complessivo compatibile con l’indicatore sintetico di rischio del fondo. La valutazione sulla qualità dello standing creditizio, oltre che sulla base del rating, sarà effettuata - almeno con riferimento agli emittenti verso i quali sono detenute posizioni significative e che compongono una percentuale rilevante del portafoglio del Fondo - anche sulla base di ulteriori criteri di carattere qualitativo e/o quantitativo definiti nei processi interni di valutazione del merito creditizio adottati dalla SGR. Il Fondo può investire anche in ETF. Le aree geografiche d’investimento sono principalmente i Paesi OCSE e, in modo contenuto, i Paesi non OCSE.
Andamento del fondo
Inizio
Fine
Performance del periodo:
Rendimenti al 19/02/2024
1 mese
2,02 %
3 mesi
5,43 %
da inizio anno
1,37 %
1 anno
8,24 %
dal 03/12/2012
4,14 %
Rendimento annuo del Fondo
2022
-10.57%
2021
7,89%
2020
4,12%
2019
13,54%
2018
-9,40%
2017
6,06%
2016
1,84%
2015
6,31%
2014
7,75%
2013
10,5%
2012
6,0%
2011
-7,1%
2010
1,4%
2009
6,8%
2008
-18,8%
2007
1,5%
2006
8,2%
2005
12,5%
2004
9,2%
2003
14,2%
2002
-15,6%
Asset allocation
Equity
43,78%
Corporate
10,08%
Italia
7,55%
Usa
5,56%
Mercati Emergenti Obbl.
0,19%
Altri
28,83%
Liquidità
4,00%
Principali titoli obbligazionari
DBR 2,3 15/02/2033
5,50%
FRTR 0,75 25/02/2028
2,54%
T 4,125 15/11/2032
1,95%
RAGB 0,75 20/10/2026
1,79%
BTPS 1,75 30/05/2024
1,73%
IRISH 1 15/05/2026
1,49%
OBL 0 11/04/2025
1,49%
BTPS 3,85 15/12/2029
1,40%
FRTR 0,25 25/11/2026
1,30%
UKT 3,25 31/01/2033
1,30%
Principali titoli azionari
MICROSOFT CORP
2,13%
APPLE INC
2,04%
ALPHABET INC-CL A
1,25%
AMAZON.COM INC
1,14%
NVIDIA
1,11%
ASML HOLDING NV
0,95%
NESTLE
0,64%
UNITEDHEALTH GROUP
0,59%
NOVO NORDISK
0,56%
LVMH
0,52%
Commento
Commento
Nel periodo di riferimento, abbiamo assistito a un marcato calo dei tassi d’interesse ed un’ottima performance dei mercati azionari, in particolare, quelli con una maggiore componente ciclica hanno segnato decisi progressi, interrompendo così la fase di correzione iniziata a fine luglio. Nelle ultime settimane abbiamo visto un peggioramento di vari indicatori economici negli Stati Uniti, fin qui estremamente resilienti nella loro performance di crescita. Siamo in un momento in cui guardando al recente passato abbiamo ancora dati economici solidi, ma guardando al futuro vediamo che le nuvole continuano ad addensarsi. In Europa, purtroppo, le dinamiche di crescita sono più deboli già da diversi mesi, in primis per il venir meno degli stimoli fiscali. Sul mercato azionario, va notato come le valutazioni, dopo aver toccato i minimi da gennaio, siano rapidamente tornate ai livelli visti quest’estate, prima della correzione degli ultimi mesi. Detto questo, ci aspettiamo che le dinamiche di tassi e azionario per la parte restante dell’anno siano sostanzialmente laterali, in attesa di nuovi elementi sul quadro macroeconomico. In conclusione, poiché gli elementi di liquidità in eccesso e tassi più bassi non possono essere trascurati confermiamo una visione neutrale. Nel periodo, il comparto obbligazionario governativo dei paesi sviluppati ha conseguito una performance positiva guidata da una serie di fattori, tra i quali l’evidenza del proseguimento del trend disinflattivo e le rinnovate aspettative degli investitori verso il pivot dovish delle banche centrali, ovvero l’inversione di orientamento delle future decisioni di politica monetaria con gli investitori che prezzano tagli dei tassi a partire dal primo semestre dell’anno venturo. In termini relativi, nel periodo si registra una sovraperformance del treasury USA sul Bund tedesco mentre in Area Euro lo spread tra la scadenza decennale del BTP e il pari scadenza tedesco ha registrato una compressione di circa 20 punti base. Nel corso dell'ultimo mese in linea con l'andamento positivo degli asset di rischio, gli spread hanno fatto registrare una compressione degli spread per i titoli investment grade, che sono arrivati così sotto ai 140 punti base dai 160 iniziali, e per i titoli high yield, scesi a meno di 390 punti base dai 470 precedenti. Nel mese l’operatività del fondo è stata orientata a mantenere la duration complessiva del fondo intorno a 3 anni e 3 mesi mentre l’esposizione valutaria è rimasta neutrale su dollaro USA e yen.