ISIN Number
IT0001179297
Categoria Assogestioni
Bilanciati
Livello di rischio
1
2
3
4
5
6
7
Valore quota al 05/10/2022
€ 7,858
Politica d'investimento
È un fondo bilanciato, il cui obiettivo è l’accrescimento del capitale nel medio–lungo periodo (4–6 anni), mediante l’investimento del patrimonio in strumenti finanziari diversificati, subordinatamente a un obiettivo in termini di controllo del rischio. Il Fondo si caratterizza per l’ampia discrezionalità concessa alla SGR, che determina la politica di investimento in relazione all’andamento e alle prospettive delle economie e dei mercati finanziari dei singoli Paesi o di determinate aree geografiche, potendo costituire l’investimento verso emittenti di uno stesso Paese ovvero di una stessa area geografica o di uno stesso settore merceologico anche la totalità del patrimonio del Fondo. Il Fondo può essere investito in azioni, obbligazioni e altri strumenti finanziari emessi nei Paesi aderenti al Fondo Monetario Internazionale, nonché Taiwan. La composizione del portafoglio è orientata ad investimenti in strumenti azionari, col limite massimo del 70%, e in strumenti obbligazionari e monetari, di emittenti sovranazionali, governativi, o societari, aventi un merito creditizio anche molto rischioso, con un livello di rischio complessivo compatibile con l’indicatore sintetico di rischio del fondo. La valutazione sulla qualità dello standing creditizio, oltre che sulla base del rating, sarà effettuata - almeno con riferimento agli emittenti verso i quali sono detenute posizioni significative e che compongono una percentuale rilevante del portafoglio del Fondo - anche sulla base di ulteriori criteri di carattere qualitativo e/o quantitativo definiti nei processi interni di valutazione del merito creditizio adottati dalla SGR. Il Fondo può investire anche in ETF. Le aree geografiche d’investimento sono principalmente i Paesi OCSE e, in modo contenuto, i Paesi non OCSE.
Andamento del fondo
Inizio
Fine
Performance del periodo:
Rendimenti al 05/10/2022
1 mese
-2,09 %
3 mesi
-1,87 %
da inizio anno
-11,06 %
1 anno
-8,37 %
dal 03/12/2012
3,59 %
Rendimento annuo del Fondo
2021
7,89%
2020
4,12%
2019
13,54%
2018
-9,40%
2017
6,06%
2016
1,84%
2015
6,31%
2014
7,75%
2013
10,5%
2012
6,0%
2011
-7,1%
2010
1,4%
2009
6,8%
2008
-18,8%
2007
1,5%
2006
8,2%
2005
12,5%
2004
9,2%
2003
14,2%
2002
-15,6%
Asset allocation
Equity
43,36%
Corporate
12,47%
Italia
6,85%
Usa
1,71%
Mercati Emergenti Obbl.
0,21%
Altri
25,29%
Liquidità
10,11%
Principali titoli obbligazionari
BKO 0 10/03/2023
3,74%
BKO 0 16/06/2023
2,98%
RAGB 0,75 20/10/2026
2,00%
IRISH 1 15/05/2026
1,66%
OBL 0 11/04/2025
1,63%
EUB 0 06/01/2023
1,50%
FRTR 0,25 25/11/2026
1,43%
T 0,75 31/12/2023
1,42%
SPGB 2,75 31/10/2024
1,28%
BGB 1 22/06/2026
1,12%
Principali titoli azionari
APPLE INC
2,27%
MICROSOFT CORP
1,83%
ALPHABET INC-CL A
1,29%
AMAZON.COM INC
1,23%
ASML HOLDING NV
0,88%
NESTLE
0,80%
TESLA
0,71%
UNITEDHEALTH GROUP
0,70%
VISA INC-CLASS A SHARES
0,68%
JOHNSON & JOHNSON
0,60%
Commento
Commento

Nel mese, i timori recessivi indotti dall’azione di contrasto all’inflazione da parte delle banche centrali in un contesto di rallentamento della crescita globale sono stati alimentati dai commenti “hawkish” della Fed a Jackson Hole, nonché dall’acuirsi della crisi energetica in Europa. Inoltre, il perdurare delle tensioni geopolitiche, derivanti dalla guerra in Ucraina, unitamente all’adozione della politica di tolleranza zero dei contagi adottati in Cina, rappresentano elementi in grado di esacerbare ulteriormente i colli di bottiglia nelle catene produttive. A livello di dinamiche societarie diventerà centrale prestare particolare attenzione a ciò che le aziende indicheranno come outlook degli utili verso la fine dell’anno solare. Per il prossimo mese propendiamo ancora per un posizionamento cauto sull’azionario.  Nel mese, complice la retorica aggressiva da parte delle banche centrali sul fronte della lotta all’inflazione, il comparto obbligazionario governativo dei paesi sviluppati ha conseguito una performance negativa caratterizzata da un aumento generalizzato dei rendimenti, un allargamento degli spread e una sovraperformance del treasury statunitense rispetto al bund tedesco. Nel mese l’operatività del fondo è stata orientata a mantenere la duration complessiva del fondo inferiore ai due anni. Infine, l’esposizione valutaria è rimasta neutrale su dollaro USA e yen.

​​​​​​