ISIN Number
IT0001249116
Categoria Assogestioni
Azionari Flessibili
Livello di rischio
1
2
3
4
5
6
7
Valore quota al 26/05/2020
€ 10,377
Politica d'investimento
È un fondo flessibile che mira alla crescita del capitale nel lungo periodo (6–10 anni), mediante l’investimento del patrimonio in strumenti finanziari diversificati, subordinatamente a un obiettivo in termini di controllo del rischio. Il Fondo si caratterizza per l’ampia discrezionalità concessa alla SGR, che determina la politica di investimento in relazione all’andamento ed alle prospettive delle economie e dei mercati finanziari dei singoli Paesi o di determinate aree geografiche. L’investimento in emittenti di uno stesso Paese ovvero di una stessa area geografica o di uno stesso settore merceologico può costituire anche la totalità del patrimonio del Fondo. Il Fondo è investito, nell’interesse dei Partecipanti, in azioni, obbligazioni e altri strumenti finanziari, emessi nei Paesi aderenti al Fondo Monetario Internazionale, nonché Taiwan. La composizione del portafoglio è orientata ad investimenti in strumenti azionari e in strumenti obbligazionari e monetari, di emittenti sovranazionali, governativi, o societari, aventi un merito creditizio anche molto rischioso, con un livello di rischio complessivo compatibile con l’indicatore sintetico di rischio del fondo. La valutazione sulla qualità dello standing creditizio, oltre che sulla base del rating, sarà effettuata - almeno con riferimento agli emittenti verso i quali sono detenute posizioni significative e che compongono una percentuale rilevante del portafoglio del Fondo - anche sulla base di ulteriori criteri di carattere qualitativo e/o quantitativo definiti nei processi interni di valutazione del merito creditizio adottati dalla SGR. Il Fondo può investire anche in ETF. Le aree geografiche d’investimento sono principalmente i Paesi dell’Area Euro e, in modo contenuto, gli altri Paesi OCSE e i Paesi non OCSE.
Andamento del fondo
Inizio
Fine
Performance del periodo:
Rendimenti al 26/05/2020
1 mese
4,52 %
3 mesi
-11,36 %
da inizio anno
-17,71 %
1 anno
-10,30 %
dal 03/12/2012
2,19 %
Rendimento annuo del Fondo
2018
-11,61%
2017
7,25%
2016
2,07%
2015
6,09%
2014
6,15%
2013
10,9%
2012
6,6%
2011
-15,7%
2010
-0,5%
2009
13,8%
2008
-38,3%
2007
5,6%
2006
13,6%
2005
17,4%
2004
6,2%
2003
12,1%
2002
-30,2%
Allocazione settoriale
Finanza
11,88%
Prodotti Industriali
11,56%
Beni voluttuari
8,48%
Materiali
8,01%
Beni prima necessità
7,48%
Tecnologia dell'informazione
6,62%
Sanità
5,30%
Energia
4,55%
Servizi di comunicazione
2,72%
Allocazione geografica
Francia
27,27%
Germania
18,81%
Italia
9,59%
Olanda
6,21%
Spagna
3,73%
Belgio
2,02%
Irlanda
1,74%
Finlandia
1,03%
Lussemburgo
0,14%
Principali titoli azionari
SANOFI
2,60%
ASML HLDG NV
2,27%
L.V.M.H. SE
1,96%
SAP SE
1,77%
UNILEVER
1,68%
L'OREAL
1,63%
TOTAL
1,54%
AIR LIQUIDE
1,52%
DEUTSCHE TELEKOM
1,47%
BAYER
1,39%
Commento
Commento

I mercati, inseguendo la possibilità di un punto di svolta nei dati macroeconomici, hanno cominciato ad anticipare il raggiungimento di un bottom sugli indici azionari, e infatti, nel mese di aprile si è registrato un repentino rimbalzo degli asset di rischio, con un recupero altrettanto evidente del sentiment degli investitori. Osserviamo con attenzione come sia nel Regno Unito che in Europa, che si sono distinte per anni grazie a una vera “cultura del dividendo”, sia cominciata una revisione di questa attitudine. Per fronteggiare la crisi conseguente alla diffusione della pandemia da Covid19 molte società stanno rivedendo la loro politica di elargizione dei dividendi. Probabilmente ci vorrà molto tempo prima che i dividend yield possano tornare ai livelli dell’anno scorso, dato che le società diventeranno più conservative nel fissare le policy sui dividendi. Nel mese abbiamo aumentato il peso nel settore delle comunicazioni e nei beni stabili, mentre abbiamo tagliato l’esposizione al settore energetico e a quello degli industriali.

Schede aggiornate a fine aprile.

​​​​​​