ISIN Number
IT0005366072
Categoria Assogestioni
Azionari Flessibili
Livello di rischio
1
2
3
4
5
6
7
Valore quota al 01/12/2021
€ 6,979
Politica d'investimento
È un Fondo bilanciato, il cui scopo è l’investimento collettivo in Organismi di investimento Collettivo del Risparmio (OICR) anche specializzati in settori economici e/o geografici delle somme versate dai Partecipanti, con l’obiettivo di crescita del capitale nel lungo periodo (6–10 anni). Il Fondo si caratterizza per l’ampia discrezionalità concessa alla SGR, la quale attua una politica di investimento che verrà determinata in relazione all’andamento ed alle prospettive delle economie e dei mercati finanziari dei singoli Paesi o di determinate aree geografiche, potendo costituire l’investimento verso OICR che investono in una stessa area geografica o in uno stesso settore merceologico anche la totalità del patrimonio del Fondo. Il Fondo potrà essere investito, nell’interesse dei Partecipanti, in OICR che a loro volta investono su mercati dei Paesi aderenti al Fondo Monetario Internazionale, nonchè Taiwan. La composizione del portafoglio è indirizzata verso OICR azionari, bilanciati, flessibili obbligazionari e monetari che investono in emittenti sovranazionali, governativi, o societari, anche molto rischiosi, con un rischio complessivo compatibile con l’indicatore sintetico di rischio del Fondo. Le aree geografiche d’investimento potranno essere sia i Paesi OCSE che i Paesi non OCSE. Il Fondo investe principalmente in OICR orientate verso società che appaiono beneficiare di tendenze demografiche, ambientali, di stile di vita e di altre tendenze globali di lungo termine.
Andamento del fondo
Inizio
Fine
Performance del periodo:
Rendimenti al 01/12/2021
1 mese
-1,69 %
3 mesi
-1,41 %
da inizio anno
13,68 %
1 anno
17,20 %
Allocazione geografica
Nord America
51,20%
Europa Occidentale
31,18%
Asia Pacifico
15,15%
America Latina
1,26%
Africa/Medio Oriente
0,68%
Asia Centrale
0,26%
Est Europa
0,26%
Scomposizione per tematiche
Consumi
7,34%
Aging Population
7,25%
Infrastrutture
7,22%
Salute
7,08%
Circular Economy
6,97%
Acqua
6,81%
Cibo
6,58%
Millennials
6,48%
Timber
6,29%
Liquidità
6,00%
Istruzione
5,95%
Primi 10 fondi
Robeco Global Consumer Trends
7,34%
CPR Invest - Global Silver Age - I (C)
7,25%
M&G (Lux) Global Listed Infrastructure Fund CI EUR Acc
7,22%
BNP ECPI Circular Economy Leaders
6,97%
CPR Invest Food For Generations
6,58%
Lyxor MSCI Millennials ESG Filtered (DR) UCITS ETF
6,48%
Pictet Timber
6,29%
CPR Invest - Education - I (C)
5,95%
iShares IV PLC-iShares Healthcare
5,75%
BNP ECPI Global ESG Blue Economy
5,09%
Commento
Commento

La strategia tematica chiude il mese di giugno con un guadagno del 3.92%, arrivando ad un +12.21% da inizio anno. I mercati dei Paesi Sviluppati hanno continuato a beneficiare della ripartenza del ciclo, delle campagne vaccinali e degli utili record. Si è osservata una correzione al ribasso solo in seguito agli annunci della Fed sull’inflazione USA. In seguito a ciò si è assistito anche ad una modifica nei trend settoriali a favore dei titoli tecnologici e, più in generale, dello stile Growth. In USA hanno continuato a pesare le alte valutazioni, comuni a tutte le asset class. Grazie alla forte ripresa del mercato interno sono migliorate le performance dei Paesi Emergenti, nonostante le recessioni osservate al di fuori della Cina nel secondo trimestre del 2021. La Fed ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’inflazione a partire dal 2021 (3% vs 2.2%) ed ha aumentato la mediana del livello atteso dei Fed funds per il 2023 dallo 0.1% allo 0.6%. Le differenze regionali nelle performance azionarie sono in gran parte imputabili alla differente composizione dei listini, con gli Stati Uniti che hanno beneficiato della rotazione verso lo stile growth e hanno sovraperformato gli altri mercati sviluppati. Le tematiche più impattate negli scorsi mesi, legate al settore tecnologico, come l’Intelligenza Artificiale, ai Consumi (Consumer Trends) e alle Energie Alternative (Mobility Innovation), sono stati tra i principali beneficiari della rotazione verso il fattore growth. Nel corso del mese abbiamo apportato delle modifiche in termini di selezione, andando a sostituire alcuni strumenti presenti in portafoglio con nuove strategie, ritenute più idonee per prendere esposizione alla rispettiva tematica di riferimento. Questo ci ha permesso inoltre di ridurre gradualmente l’esposizione al rischio ESG del portafoglio.

Schede aggiornate a fine giugno.

​​​​​​