ISIN Number
IT0001484713
Categoria Assogestioni
Bilanciati Obbligazionari
Livello di rischio
1
2
3
4
5
6
7
Valore quota al 26/05/2020
€ 5,606
Politica d'investimento
È un fondo bilanciato obbligazionario che mira alla crescita del capitale in un orizzonte temporale di medio periodo (3-4 anni), subordinatamente a un obiettivo in termini di controllo del rischio. La politica di investimento del Fondo è determinata dalla SGR in relazione all’andamento e alle prospettive delle economie e dei mercati finanziari dei singoli Paesi o di determinate aree geografiche. L’investimento in OICR che investono in una stessa area geografica o in uno stesso settore merceologico può costituire anche la totalità del patrimonio del Fondo; gli OICR oggetto di investimento investono a loro volta in mercati dei Paesi aderenti al Fondo Monetario Internazionale, nonché Taiwan. L’investimento del patrimonio del Fondo è indirizzato verso OICR azionari in percentuale non superiore al 50% e, in OICR bilanciati, flessibili, obbligazionari e monetari che investono anche in emittenti sovranazionali, governativi, o societari, anche molto rischiosi, con un rischio complessivo compatibile con l’indicatore sintetico di rischio del Fondo. La selezione degli OICR si avvale sia di criteri quantitativi che qualitativi per determinare una selezione di strumenti atta ad ottimizzare il profilo rischio rendimento del fondo.
Andamento del fondo
Inizio
Fine
Performance del periodo:
Rendimenti al 26/05/2020
1 mese
1,12 %
3 mesi
-4,01 %
da inizio anno
-4,40 %
1 anno
0,04 %
dal 03/12/2012
0,11 %
Rendimento annuo del Fondo
2018
-5,07%
2017
2,17%
2016
0,40%
2015
-1,71%
2014
2,97%
2013
1,0%
2012
4,8%
2011
-2,7%
2010
1,7%
2009
5,9%
2008
-8,0%
2007
2,1%
2006
0,8%
2005
4,4%
2004
0,7%
2003
-1,6%
2002
0,9%
Asset allocation
Obbligazionari Governativi
28,53%
Obbligazionari Corporate
26,58%
Azionari Globali
19,53%
Obbligazionari Aggressivi
18,55%
Liquidità
6,81%
Allocazione settoriale azionaria
Finanza
29,23%
Sanità
13,25%
Tecnologia dell'informazione
11,07%
Prodotti Industriali
8,28%
Servizi di comunicazione
8,21%
Beni Voluttuari
7,75%
Beni di prima necessità
6,93%
Materiali
4,34%
Energia
4,09%
Immobiliare
3,61%
Servizi pubblica utilità
3,24%
Primi 10 fondi
Xtrackers II Global Government Bond UCITS ETF 1C - EUR Hedged
9,80%
Goldman Sachs US Mortgage Backed Securities Portfolio I Acc USD
9,10%
Xtrackers MSCI World Swap UCITS ETF 4C Hedged
8,25%
JPM Global Research Enhanced Index Equity Fund C (acc) - EUR (hedged)
8,17%
Vanguard EUR Eurozone Government Bond UCITS ETF
7,32%
JPM Global Government Bond Fund C (acc) - EUR
6,71%
Amundi EURO Corporate Financials IBOXX UCITS ETF-C
5,43%
SPDR® Bloomberg Barclays Euro Government Bond UCITS ETF
4,70%
BNY Mellon Emerging Markets Corporate Debt Fund USD W Acc
4,58%
iShares Global Corp Bond EUR Hedged UCITS ETF (Dist)
4,33%
Commento
Commento

Nel mese di aprile il fondo ha registrato un rialzo del 4.30%. Dopo un marzo di pesanti perdite per l’azionario, ad aprile tornano gli acquisti sull’asset class in modo vigoroso grazie alle mosse di sostegno delle diverse Banche Centrali e le risposte fiscali messe in campo dai vari governi. In particolare in forte risalita l’equity americano con un rally in doppia cifra che permette di recuperare gran parte delle perdite subite dall'azionario US dall’inizio degli effetti dell'epidemia. Il comparto obbligazionario torna in crescita in tutte le sub asset class dopo i forti drawdown del mese di marzo. Si denota naturalmente una maggior reattività e ripresa dei segmenti più rischiosi, soprattutto gli High Yield, sia US sia europei, che avevano sofferto in precedenza. Relativamente sostenute le performance dei bond Corporate, dopo il significativo appoggio da parte delle Banche Centrali e le politiche monetarie senza precedenti messe in atto. In termini di performance i contributori maggiori sono stati gli strumenti azionari, in forte rialzo durante il mese, ma anche gli strumenti legati alle Asset Class più rischiose della componente obbligazionaria, con l'High Yield, il debito Emergente ed anche la componente Corporate che hanno beneficiato di una compressione degli spread e di un miglioramento nella liquidità complessiva del mercato. Durante il mese abbiamo aggiornato il nostro modello di Risk Parity, che stante il cambiamento nel regime di volatilità ci ha segnalato di ridurre l'esposizione alla parte Risky del portafoglio, ora al 18% circa, e di incrementare la componente Governativa. Allo stesso tempo il modello RORO ci ha fornito indicazione di ridurre il peso della componente azionaria di 5 punti, per il deterioramento delle condizioni di mercato.

Schede aggiornate a fine aprile.

​​​​​​